Home » Prossimi appuntamenti » Il 4 novembre 2018: il Comune di Scandicci celebra i cento anni dalla fine della Grande Guerra

Il 4 novembre 2018: il Comune di Scandicci celebra i cento anni dalla fine della Grande Guerra

Quattro appuntamenti a Scandicci a partire da sabato 3 fino a domenica 11 novembre 2018,

in occasione del centenario della fine della Grande Guerra che si celebra il 4 novembre.

 

La mattina di sabato 3.11 il programma delle cerimonie istituzionali:

Alle 9,15  la Deposizione di una corona d’alloro al Sacrario ai Caduti di tutte le Guerre al cimitero di Sant’Antonio e alle 9,30   la Deposizione di una corona al Monumento ai Caduti in piazza Matteotti, con l’accompagnamento della Filarmonica Vincenzo Bellini.

  Sabato 3.11 alle 10 nell’Auditorium dell’Istituto Russell Newton

L’incontro pubblico “La Grande Guerra e le sue conseguenze”, con Roberto Bianchi, docente associato di Storia Contemporanea all’Università degli Studi di Firenze; intervengono il Sindaco Sandro Fallani, la Preside dell’istituto Russell Newton Anna Maria Addabbo, la Presidente della Commissione Pari Opportunità Laura D’Andrea, il Presidente del Lions Club Firenze Scandicci Stefano Rossini e Adalberto Scarlino per il Comitato Fiorentino per il Risorgimento.

Domenica 4.11 alle 11 all’Abbazia di San Lorenzo e San Salvatore a Badia a Settimo

la commemorazione “1918/2018 Badia a Settimo ricorda i suoi caduti”.

Fiorentino, è laureato in architettura. Militante nei gruppi della sinistra rivoluzionaria (Potere Operaio), nei primi anni 70 inizia l’attività di insegnamento, prima nelle scuole medie e successivamente, abilitatosi in Storia dell’Arte, nelle scuole di indirizzo artistico. Con l’insegnamento prende progressivamente coscienza del suo ruolo professionale fuori da ogni logica ideologica, per cui si allontana dalle posizioni estremistiche di sinistra degli anni giovanili e si avvicina sempre di più a posizioni liberal-democratiche. E’ tra i fondatori, negli anni 80, della Gilda degli Insegnanti, associazione che cerca di tutelare la valenza professionale dei docenti e, nel dicembre 2005, del Gruppo di Firenze per la scuola del merito e della responsabilità. E’ rappresentante legale del Comitato Fiorentino per il Risorgimento, del cui sito è direttore.