Home » Risorgimento Firenze » Rassegna stampa

Rassegna stampa

Articoli e video dai vari media.

Una statua per Maria Luisa, la Magnifica dei Medici

Maria Luisa legò il patrimonio di famiglia a Firenze, poi lasciò il Granducato ai Lorena. Grazie a lei i nostri capolavori sono rimasti qui. L’idea: un omaggio, alla luce del sole Paolo Ermini        Corriere Fiorentino 9 dicembre   La Rai sta per celebrare per la seconda volta i Medici, con un’altra grande fiction, e Firenze — che dei Medici fu ...

Leggi Articolo »

Tricolore e leone possono e debbono stare assieme

Aldo Cazzullo Corriere della Sera 21 novembre Caro Aldo, lei cita la «storica rivalità tra Venezia e la terraferma». Vorrei ricordare l’inesistenza di castelli e fortezze nel Veneto, sostituiti dall’ideologia extraurbana, con Andrea Palladio e le ville venete… oppure la resistenza di Treviso durante la guerra di Cambrai (1509). La città rifiutò la resa all’Impero, perché un certo Pellicciari aveva ...

Leggi Articolo »

Goffredo Mameli morì a 21 anni per Roma. Il suo inno ora è nazionale

Quando scrisse le parole poi musicate da Novaro non sapeva che 170 anni dopo sarebbero diventate «il canto degli italiani». E lo sono fuori da ogni retorica Aldo Cazzullo  Corriere della Sera  16 novembre Quando Goffredo Mameli scriveva le parole del suo inno, non poteva immaginare che 170 anni dopo sarebbe davvero diventato “il canto degli italiani” anche per il ...

Leggi Articolo »

E Russell incontrò Lenin

Mario Ricciardi  Sole 24 Ore 28 ottobre   Nel maggio del 1920 una delegazione di “osservatori imparziali”, messa insieme dal Governo Britannico su richiesta dei sindacati, arriva a San Pietroburgo con l’incarico di studiare le condizioni economiche, politiche e sociali del paese a meno di tre anni dalla rivoluzione bolscevica. Tra i delegati c’è anche il matematico e filosofo Bertrand ...

Leggi Articolo »

L’antifascismo e il merito. Alfabeto di un’istituzione: la scuola Normale di Pisa

Pier Luigi Vercesi   Corriere della Sera 18 ottobre Provvide Benito Mussolini a fornire la migliore attestazione d’indipendenza intellettuale alla Scuola Normale superiore di Pisa: «Un nido di vipere» da «tollerare per non far morire di crepacuore» Giovanni Gentile, il filosofo che riformò la scuola italiana. L’antica istituzione non era un cenacolo anti-regime, era semplicemente un’isola dove i clamori della piazza ...

Leggi Articolo »

il mito del Grande Uomo

Emilio Gentile   IL sole 24 Ore  8 ottobre   La storia universale, la storia di quanto l’uomo ha compiuto in questo mondo altro non è, in sostanza, se non la storia dei grandi uomini che hanno operato quaggiù. Furono questi Grandi, i condottieri dell’umanità; gli ispiratori, i campioni e, in un senso vasto, gli artefici di tutto quello che la ...

Leggi Articolo »

Il generale siciliano e l’inno di Toscanini

Lettere ad Aldo Cazzullo   Corriere della Sera  1 ottobre   Caro Aldo,  cent’anni fa, il 29 settembre 1917, moriva, dopo essere stato ferito a una gamba sul Monte Santo, il generale di brigata Antonino Cascino, siciliano di Piazza Armerina, medaglia d’oro al valor militare. Le sue spoglie riposano nella chiesa di San Domenico a Palermo, il Pantheon dei siciliani, accanto ...

Leggi Articolo »

Giù le mani dal grande genovese

Lettere al Corriere della Sera  Domenica 10 settembre Caro Aldo, si è iniziato in America togliendo le statue dei confederati. Adesso si eliminano le statue in ricordo di Cristoforo Colombo. Poi, c’è da scommetterci, la moda prenderà piede nel mondo. E allora toglieremo le statue dedicate agli antichi romani, ai greci, ai faraoni, tutta gente guerrafondaia. Lo sono stati pure ...

Leggi Articolo »

La chanson de geste di Botescià

Alfredo Sessa Corriere della Sera 22 agosto Ottavio Bottecchia fu un campione imperfetto, come tutti i veri campioni. Amava pedalare tra il silenzio delle montagne, che sembravano rimandare l’eco del suo mutismo di corridore veneto, povero, semplice e solido. Senza immaginare di ritrovarsi, un giorno, avvolto dal frastuono di una improvvisa fama sportiva. Aveva, per carattere, la solitudine come compagna. ...

Leggi Articolo »

Fragilità dell’Italia unita

Emilio Gentile    Sole 24 ore 2 luglio   Cosa avrebbe pensato Rosario Romeo dell’Italia nel centenario della Grande Guerra, se la morte non avesse troncato la sua esistenza a 62 anni, il 16 marzo 1987? Prima di rispondere a questa domanda, è opportuno rispondere a un’altra domanda, che forse si pone qualche giovane lettore: chi era Rosario Romeo?  La domanda ...

Leggi Articolo »

Carlo e Nello all’ombra di Croce. I percorsi intellettuali dei Rosselli

Antonio Carioti  Corriere della Sera 3 giugno Assassinati insieme da sicari francesi di destra a Bagnoles-de-l’Orne, in Normandia, il 9 giugno del 1937, i fratelli Rosselli sono comprensibilmente accomunati nel ricordo. Ci sono vie e piazze intitolate non all’uno o all’altro, ma a entrambi. Le carte di entrambi e della madre Amelia, depositate a lungo presso la Fondazione Rosselli di ...

Leggi Articolo »

Miti della Resistenza. Eroe partigiano senza retorica

Renato Camurri pubblica i diari del comandante Antonio Giuriolo, ucciso dai tedeschi nel ’44: non era né pacifista né votato romanticamente alla morte Emilio Gentile    Il Sole Domenica 14 «Un libro nel libro»: così Renato Camurri definisce la sua lunga introduzione (187 pagine) a una antologia di quindici dei quarantasette quaderni autografi, scritti negli anni giovani da un intellettuale antifascista ...

Leggi Articolo »

Gli antifascisti che non vinsero. La sorte amara di Giustizia e Libertà

A 80 anni dall’assassinio di Carlo Rosselli e del fratello Nello un libro di Marco Bresciani ripercorre le vicende di intellettuali che cospirarono contro il regime di Mussolini Paolo Mieli Corriere della Sera 3 maggio Il nome veniva dal rovesciamento di quello del gruppo anarchico fondato a Napoli nel 1865 da Michail A. Bakunin: «Libertà e Giustizia». La nascita è ...

Leggi Articolo »

60 anni di umanesimo scientifico

Armando Massarenti    Il sole 24 ore 16 aprile E’ il 25 aprile 1945. Ludovico Geymonat vuole che nel colophon dei suoi Studi per un nuovo razionalismo, usciti per un piccolo editore (Chiantore), ci sia scritta, ben chiara, proprio quella data. La Liberazione doveva essere anche una liberazione da una morsa culturale in cui è stretto un Paese che ha abbracciato ...

Leggi Articolo »

Le Cinque Giornate, i Savoia e i briganti

Lettere al Corriere della Sera  23 marzo 2017   Caro Aldo, ho notato con rammarico che nessuno si è ricordato che il 18 marzo iniziavano le Cinque Giornate di Milano. Anni fa venivano messe le bandierine sui tram e solerti maestre facevano scrivere temi appassionati agli scolari, oltre a qualche gita al museo del Risorgimento in via Borgonuovo. Adesso vedo ...

Leggi Articolo »

Il malinteso di Radetzky su Vittorio Emanuele II

Nel 1849 il feldmaresciallo asburgico favorì l’ascesa del nuovo re che avrebbe mosso guerra all’Austria due volte. La biografia del sovrano di Adriano Viarengo Paolo Mieli    Corriere della Sera 22 marzo Agli interlocutori austriaci il ventottenne Vittorio Emanuele — appena asceso al trono dopo l’abdicazione del padre, Carlo Alberto, successiva alla sconfitta di Novara nel 1849 — parve un sempliciotto. ...

Leggi Articolo »

Nordisti e sudisti litigano ma in fondo sono d’accordo

Lettere al Corriere della Sera Caro Cazzullo, lei esalta l’élite del Risorgimento, ma dimentica quanto è stato perpetrato dai governi sabaudi a danno delle popolazioni del Sud.  Arcangelo Addeo Caro Arcangelo, La difesa del Risorgimento mi ha procurato un implacabile nemico: i neoborbonici. Attivissimi sul web, dopo l’uscita di Viva l’Italia! mi coprirono di improperi. In segno di pace, quando ...

Leggi Articolo »

70 anni della repubblica. Un’Italia senza bussola

Paolo Bricco Sole 24 Ore 28 gennaio Piero Craveri è autore, con L’arte del non governo. L’inesorabile declino della Repubblica italiana, di una doppia scommessa intellettuale: ricostruire la nostra storia di lungo periodo e adoperare un codice interpretativo multiplo. Craveri non si fa abbacinare dalla luce nera del presente, per quanto non esiti a professare tutto il suo pessimismo: il ...

Leggi Articolo »

Tradimenti senza fine Il mito delle «rivoluzioni» rinnegate

Paolo Mieli  Il Corriere della Sera 11 gennaio   Nelle pagine iniziali di un importante saggio per metà autobiografico appena pubblicato dal Mulino, Credere, tradire, vivere. Un viaggio negli anni della Repubblica, Ernesto Galli della Loggia si sofferma in particolare su uno dei tre verbi di cui al titolo del suo libro: «tradire». Torna, Galli della Loggia, alle parole «gelidamente ...

Leggi Articolo »

I CATTOLICI DI GENTILONI: UN PATTO CON GIOLITTI

Lettere a Sergio Romano Corriere della Sera 24 dicembre Il nome dell’attuale presidente del Consiglio italiano mi ha richiamato alla memoria il suo antenato Vincenzo Ottorino che è ricordato per il patto che strinse con Giolitti, in base al quale i cattolici, che si erano estraniati dalla politica in seguito al «Non expedit» di Pio IX, ripresero ad interessarsene partecipando ...

Leggi Articolo »