Home » Risorgimento Firenze » Rassegna stampa

Rassegna stampa

Articoli e video dai vari media.

Israele, un sogno incompleto

Ugo Tramballi  Sole 24 Ore  19 maggio   «I primi israeliani spesso non erano felici della loro vita privata ma credevano nel loro Paese e nel loro futuro. Avevano un sogno. Questa, forse, è la differenza più profonda fra gli israeliani di allora e quelli di oggi», scrive lo storico Tom Segev in 1949. The First Israelis (Free Press, 1998). ...

Leggi Articolo »

È viva la lezione di Modigliani

Il primato della lotta alla disoccupazione contro il monetarismo dominante. Cento anni fa nasceva l’economista premio Nobel, costretto all’esilio dalle leggi razziali di Mussolini Giorgio la Malfa Corriere della Sera 2018   Franco Modigliani — uno dei maggiori economisti della seconda metà del Novecento, premio Nobel per l’Economia nel 1985 — era nato un secolo fa, il 17 giugno 1918. ...

Leggi Articolo »

In principio fu Sandro Pertini

GIOVANNI BELARDELLI  Corriere della Sera 31 maggio Per una singolare coincidenza, il Mulino ha dato alle stampe due corposi volumi sui presidenti della Repubblica (in uscita il 21 giugno) proprio quando la crisi politica seguita alle elezioni del 4 marzo ha riportato all’attenzione l’importanza che la prima carica dello Stato riveste nel nostro ordinamento. Con una trentina di autori e ...

Leggi Articolo »

I giovani amano la patria ma non sanno la storia

Lettere al Corriere della Sera 11 maggio   Caro Aldo,  rispondendo a una lettrice, lei scrive che per decenni, dopo il 1948, la parola patria divenne impronunciabile e il tricolore fu confinato nelle caserme e negli stadi di calcio in cui giocava la Nazionale. Ciampi ha «ridispiegato» la bandiera riproponendola con l’inno di Mameli. Ma la parola patria fatica a ...

Leggi Articolo »

Da Alfieri a De Amicis fieri del Risorgimento

Lettere al Corriere della Sera, 1 maggio2018 Caro Aldo, sto leggendo due autori molto differenti tra loro, non solo per epoche e stile, però accomunati da un provato patriottismo. In Edmondo De Amicis un amore per la Patria tenero e sentimentale; in Vittorio Alfieri, più forte. Si pensi, oltre alle Tragedie e alle Odi, all’opera Il Misogallo, molto critica verso ...

Leggi Articolo »

Sul Piave vittoria italiana. La Rai dovrebbe raccontarla.

Aldo Cazzullo Corriere della Sera 18 aprile Caro Aldo,  su Rai Storia è andata in onda una puntata di «Apocalypse, la Prima guerra mondiale» e, descrivendo la battaglia di Caporetto e del Piave, il documentario affermava che solo l’invio di 100.000 uomini dalla Francia e dal Regno Unito aveva permesso all’Italia di non perdere la guerra e riconquistare i territori ...

Leggi Articolo »

Il risorgimento del Sud condannato all’oblio

Lettere a Aldo Cazzullo Corriere della Sera  7 aprile   Caro Aldo,  in risposta a un lettore che denuncia il degrado delle città del Sud, lei giustamente osserva che molti italiani del Sud ritengono di non poter fare nulla per migliorare la qualità di vita delle loro città perché causa dei loro mali sono i compatrioti del Nord, a partire ...

Leggi Articolo »

I giornali di trincea raccontano la Grande Guerra

«La Tradotta» e altre testate, volute da Armando Diaz per tirare su il morale delle truppe, divennero veicolo delle avanguardie. Con testi di d’Annunzio, Ungaretti, Deledda Gian Antonio Stella  Corriere della Sera 19 marzo   «Facendo un largo struscio / nell’ovo che lo serra / or esce fuor dal guscio / il quarto anno di guerra». Lo annunciava allegro uno ...

Leggi Articolo »

Galli della Loggia, nel nuovo libro speranze e ideologie d’Italia

Progetti falliti e illusioni tramontate sotto la lente dell’editorialista del «Corriere» che mette a fuoco problemi irrisolti della vita nazionale in una raccolta di saggi Michele Salvati Corriere della Sera  8 marzo   L’ultimo libro di Ernesto Galli della Loggia si intitola Speranze d’Italia, come quello scritto nel 1844 da Cesare Balbo, torinese, patriota e politico liberale che morì prima ...

Leggi Articolo »

Stemmi senza dilemmi: come conoscere la storia attraverso i loghi

Marco Carminati Sole 24 ore 25 febbraio Uno storico dell’arte che si imbatta in quadri, statue, oreficerie o pagine miniate di cui non sa assolutamente nulla ma su cui campeggiano con evidenza degli stemmi, può ritenersi uno storico dell’arte fortunato. La sua ricerca è iniziata con il piede giusto perché all’interno di uno stemma si celano spesso numerose e preziose ...

Leggi Articolo »

Troppe norme, spesso inutili: 200 mila leggi dal 1861 in poi

Il Poligrafico dello Stato ha appena terminato la digitalizzazione di tutti gli atti normativi e questo ha consentito di calcolare il numero di norme adottate in Italia Sabino Cassese    Corriere della Sera 11 febbraio La legge di Bilancio per il 2018 contiene più di 150 mila parole, equivalenti a due terzi dei vocaboli usati da Alessandro Manzoni per scrivere «I ...

Leggi Articolo »

La Bora che divide l’Istria

Cristina Battocletti  Sole 24 ore 4 febbraio Nelida Milani e Anna Maria Mori sono sorelle di uno stesso ventre che non esiste più se non geograficamente, l’Istria: una striscia di terra tra il Golfo di Trieste e quello del Quarnero, che fu italiana dal Trattato di Rapallo del 1920 al Trattato di pace di Parigi del 1947. Bora. Istria, il ...

Leggi Articolo »

Cosa salvare del ‘15-18 Una risposta a Feltri

Aldo Cazzullo  Corriere della Sera 30 gennaio Caro Aldo,  Vittorio Feltri su Libero la pizzica sulla sua condanna del fascismo. Scrive in sostanza: è vero, la Seconda guerra mondiale fu un disastro; ma perché la stessa condanna non cala sui responsabili della Prima, che sparse ancora più morti? A me pare che l’obiezione di Feltri sia fondata.  Franco Campi, Roma ...

Leggi Articolo »

Guerra toponomastica e lotta politica: si rischia di esagerare

A Roma e a Napoli in questi giorni si rischia di oltrepassare una soglia, di smarrire il senso del limite e di cadere in una sorta di smania iconoclastica Pierluigi Battista Corriere della Sera 26 gennaio Da sempre la toponomastica significa lotta politica con altri mezzi. Accade sempre, dappertutto, quando i regimi crollano, quando si chiude con dolore e violenza ...

Leggi Articolo »

Un orgoglio tutto italiano

Lorenzo Tomasin  Sole 24 ore 21 gennaio  Che cos’è la storia della lingua? A un italiano colto, anche non laureato in Lettere, la domanda pare abbastanza facile, visto che pure chi voglia avvicinare questa materia per diletto o curiosità si orienta facilmente in biblioteca o in libreria tra volumi piuttosto noti, dalla Storia della lingua italiana di Migliorini, che ha ...

Leggi Articolo »

LA BELLEZZA DA RICONQUISTARE

Lettera al Direttore del Corriere Fiorentino Giovanna Lori Corriere Fiorentino 5 gennaio Caro direttore, innanzitutto complimenti per il suo bell’articolo pubblicato sul Corriere Fiorentino di martedì  2 gennaio 2018 sul degrado vergognoso in cui versa Bellosguardo.  Io, da fiorentina innamorata della mia città, nel gennaio del 2017, accompagnando mio genero e mia figlia che vivono all’estero a contemplare la vista ...

Leggi Articolo »

Nicola Chiaromonte

Una biografia Presentazione di Paolo Marzotto. Prefazione di Paolo Soddu   Autore    Cesare Panizza Editore   Donzelli Anno      2017 Pag.       322 Prezzo   Euro 29   Nicola Chiaromonte (1905-1972) è stato un intellettuale scomodo del nostro Novecento, un pensatore antitotalitario impegnato in una strenua lotta contro ogni forma di negazione della libertà individuale. Si trattava di una scelta di vita, frutto di ...

Leggi Articolo »

La chiesa e lo spettro massonico. Molto spesso sopravvalutato.

Un saggio di Fulvio Conti (il Mulino) mostra che le logge ebbero una parte di rilievo nella Rivoluzione francese e sotto Napoleone, non nel Risorgimento italiano Paolo Mieli      Corriere della Sera 27 dicembre   Perfino Gioacchino Belli, che pure fu un implacabile fustigatore del malcostume nello Stato pontificio, ebbe sentimenti non simpatizzanti nei confronti della massoneria e condivise al fondo ...

Leggi Articolo »

Responsabilità e colpe storiche di un sovrano controverso

Antonio Carioti Corriere della Sera 17 Dicembre Se Vittorio Emanuele III avesse firmato il decreto di stato d’assedio proposto dal primo ministro  Luigi Facta, nell’ottobre del 1922, la marcia su Roma sarebbe quasi certamente fallita, quindi l’Italia avrebbe evitato il regime fascista e magari sarebbe ancora una monarchia. Ma la storia non si fa con i se. E quel sovrano, ...

Leggi Articolo »

Una statua per Maria Luisa, la Magnifica dei Medici

Maria Luisa legò il patrimonio di famiglia a Firenze, poi lasciò il Granducato ai Lorena. Grazie a lei i nostri capolavori sono rimasti qui. L’idea: un omaggio, alla luce del sole Paolo Ermini        Corriere Fiorentino 9 dicembre   La Rai sta per celebrare per la seconda volta i Medici, con un’altra grande fiction, e Firenze — che dei Medici fu ...

Leggi Articolo »